27 Maggio 2019
[]

prestazioni
percorso: Home > prestazioni > generiche

L´iguana verde

generiche
L´iguana è un rettile originario delle foreste pluviali del centro e sud America, vive in un clima caldo-umido per tutto l´arco dell´anno e passa la maggior parte del tempo arrampicato sugli alberi. Essendo degli animali ectotermi (non sono in grado di mantenere la loro temperatura corporea) si espongono al sole al mattino per innalzare la loro temperatura corporea, restando immobili su un ramo o un tronco; dopo poche ore, quando si sono riscaldate a sufficienza, cominciano a mangiare. Terminato il pasto restano nuovamente immobili al sole, perché hanno bisogno del suo calore per completare la digestione. Un fatto da non sottovalutare nella decisione sull´acquisto di questo animale è che non è un rettile amichevole, solo con pazienza e costante contatto può diventare un animale gestibile; i maschi possono sviluppare gravi problemi di aggressività, in particolare verso le donne. Essi riescono infatti a percepire gli ormoni sessuali e scambiano le proprietarie per femmine recettive, soprattutto nel periodo mestruale e dell´ovulazione, nel tentativo di accoppiarsi possono infliggere seri morsi.
La detenzione di questa specie in cattività è tutt´altro che semplice, sono animali che arrivano ai 2 metri di lunghezza, quindi lo spazio ideale da dedicargli sarebbe una piccola stanza oppure un terrario di grandi dimensioni a sviluppo verticale, avente dimensioni che non vadano al di sotto dei 2x2 metri. Non sono animali che possono girare per casa liberamente in quanto l´umidità e la temperatura dell´ambiente non sono assolutamente ideali per loro. Il luogo dove vengono detenuti deve essere umido (85-95%) ma avere anche una corretta ventilazione in quanto un´alta percentuale di umidità senza ricircolo di aria favorisce infezioni batteriche e fungine. È difficile in cattività replicare valori così alti, ma al contrario, un´umidità troppo bassa causa nell´animale una disidratazione cronica, con conseguenti danni renali fino all´insufficienza renale e alla morte. La temperatura deve essere di 30-35°C ma non costante in tutto il terrario, bisogna creare aree con temperature più basse, così che l´animale possa scegliere, a seconda delle esigenze, la temperatura corporea. Durante la notte non è necessaria la presenza di un punto caldo e la temperatura può scendere a 23-26°C. Le iguane ricavano la maggior parte dell´acqua di cui hanno bisogno dalle verdure, ma una fonte di acqua non deve mai mancare; si deve lasciare a disposizione una bacinella abbastanza grande da contenere il rettile. Un´altra cosa fondamentale sono le lampade UVA (lunghezza d´onda 320-400nm) e UVB (lunghezza d´onda 290-320 nm), che devono assolutamente essere presenti nel terrario. I raggi UVB sono i più importanti, in quanto permettono la sintesi della vitamina D senza la quale le iguane non riuscirebbero ad assimilare il calcio e sarebbero così destinate a morire per decalcificazione dello scheletro. La lampada UVB e la lampada riscaldante devono essere collocate vicino, per fornire contemporaneamente luce ulravioletta e calore, come avviene in natura quando l´iguana si espone al sole; devono essere lasciate accese per 14 ore al giorno e spente durante la notte; la distanza della luce dall´animale non deve superare i 30-40 cm, perché la potenza di irradiazione decresce man mano che aumenta la distanza. La durata di emissione dei raggi UVB è di 6-12 mesi a seconda delle marche e il quantitativo ideale per questi animali è del 5% (5.0).
Al contrario degli esseri umani, le iguane riescono a vedere anche nello spettro UVA, che per noi è invisibile. Questo si traduce in pratica in un´eccezionale vividezza e gamma di colori che a noi è preclusa; mettere delle lampade a raggi UVA porta benefici psicologici all´animale.
Il fondo del terrario è importante, bisogna evitare pezzi di corteccia, il pellet di tutolo di mais e in genere tutti i substrati corpuscolati. L´ideale è sempre rappresentato dai fogli di giornale, antiestetici ma molto pratici e igienici. Quest´ultima è fondamentale per la salute del rettile, le feci devono essere eliminate subito, periodicamente si deve pulire completamente il fondo del terrario ma anche gli arredi, come rami e ripiani. La bacinella dell´acqua va lavata almeno una volta al giorno, ma se l´iguana vi defeca va pulita subito.
L´alimentazione è un punto critico nell´allevamento di questo rettile, essendo identica a quella per le tartarughe terrestri vi rimando a quell´articolo che spiega in modo esauriente quali sono i vegetali che l´animale può mangiare tenendo conto del giusto rapporto calcio-fosforo (Ca:P) indispensabile per la salute dell´animale.
Infine ricordo che, a causa della distruzione del suo ambiente naturale, l´iguana è elencata nell´Appendice II del CITES e richiede quindi un documento legale che attesti la regolare importazione. Quando si compra un´iguana, tanto da un negoziante che da un privato, è importante verificare che l´animale possieda un documento CITES, il cui numero va riportato nel foglio di acquisto. Il mancato rispetto di questa norma comporta sanzioni molto pesanti e il possibile sequestro del rettile.

www.retusweb.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio